#FISHANDTIPS | Pesca in mare? Come proteggere mulinello e canna dalla salsedine

Come effettuare la manutenzione della canna da pesca quando si pesca in acqua salata

#FISHANDTIPS | Pesca in mare? Come proteggere mulinello e canna dalla salsedine

Pescare al mare potrebbe dare diversi problemi alla strumentazione da pesca se non si effettua un'adeguata manutenzione. Ecco perciò alcune indicazioni da tenere sempre presenti quando si ha a che fare con la salsedine.

Come pulire il mulinello

Anzitutto, prima di cominciare la propria battuta di pesca, è sempre consigliabile ingrassare il mulinello (sia esternamente sia internamente) in tutte le parti attaccabili dalla salsedine, come viti, guidafilo e frizione.

Appena terminata la pescata può essere sufficiente dare una sciacquata con acqua dolce (nel caso ci sia stato poco contatto con l'acqua di mare) ma potrebbe anche essere necessaria una vera e propria immersione in acqua dolce.

Per una pulizia ottimale è allora utile immergere il mulinello per una ventina di secondi, per poi asciugarlo con cura pulendo le bobine con un panno pulito e morbido.
Nel caso si fosse depositata parecchia sporcizia sciacquare prima la bobina, sempre con acqua dolce, e poi rimuovere i detriti, lavando anche con acqua tiepido/calda e leggermente insaponata. Infine, procedere sempre con l'asciugatura.

I danni della salsedine

La manutenzione costante della propria canna è importantissima per garantire la massima durata di vita dello strumento.

Per quanto riguarda la pesca in mare la salsedine è uno dei nemici più pericolosi, perché dà origine ad azioni corrosive che devono essere adeguatamente trattate. 

Le canne, specialmente quelle telescopiche, hanno poi bisogno di una pulizia attenta alle loro varie sezioni. In chiusura e apertura sabbia e salsedine potrebbero infatti graffiare, fino addirittura bloccare, le sezioni che perciò non sviolerebbero più. 

Salsedine e umidità inoltre, potrebbero causare anche ruggine bloccando le attrezzature da spinning o casting. Il mulinello, in particolare, potrebbe diventare letteralmente inutilizzabile.

e se l'attività di pesca è finita?

Quando si appende la canna al chiodo e si sta a lungo lontani dall'amato mare, è bene ricordarsi di posizionare l'attrezzutura nelle apposite sacche e di lasciare tutto in un luogo che sia il più asciutto possibile.

Potrebbe interessarti anche...


Iscriviti alla newsletter

Riceverai in anteprima tutorial, articoli e approfondimenti sui mondi della pesca e della nautica. In più, avrai subito un ebook in regalo!
Letta l'informativa comunicatami, dichiaro la seguente volontà circa il trattamento dati per autonome finalità di marketing diretto da parte di terzi partner di IEG (finalità 4 dell'informativa)

    official carrier

    partnership

    FIPSAS

    FIPSAS

    ASSONAT

    ASSONAT

    MEDIA PARTNER

    Italian Fishing TV

    Italian Fishing TV

    H20 Magazine

    H20 Magazine

    PARTNER TECNICO

    Geoticket

    Geoticket

    SUPPORTED BY

    Comune di Vicenza

    Comune di Vicenza

    © ITALIAN EXHIBITION GROUP SpA© All rights reserved - Via Emilia 155, 47921 Rimini - CF/PI 00139440408 - Registro Imprese: Rimini P.I e n. Reg. Imprese 00139440408 - Capitale Sociale € 52.214.897 i.v.
    Il tuo browser non è aggiornato!

    Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

    ×